Figli di Kahlil Gibran

Kahlil Gibran
E una donna che reggeva un bambino al seno disse:
Parlaci dei Figli.
E lui disse:
""I vostri figli non sono vostri.
Sono i figli e le figlie del desiderio che la vita ha di se stessa
essi vengono attraverso di voi, ma non da voi.
E benché vivano con voi, ciò non di meno, non vi appartengono.
Potete dar loro il vostro amore, ma non i vostri pensieri.
Perché essi hanno i loro pensieri.
Potete custodire i loro corpi, ma non le loro anime.
Perché le loro anime abitano nella casa del futuro, che neppure in sogno potete visitare.
Potete cercare di essere simili a loro,
ma non potete farli simili a voi.
Perché la vita procede e non si attarda mai sopra il passato.
Voi siete gli archi da cui i figli come frecce sono scoccati avanti.
L’arciere vede il bersaglio sulla linea dell’infinito, e con
la forza vi tende perché le frecce vadano rapide e lontane.
E che il vostro tendervi nella mano dell’Arciere avvenga nella gioia: perché come ama le frecce che volano,
così ama l’arco che sta fermo.""
Kahlil Gibran- '«Figli»'

Scopri o riscopri l’autore


Share This Story!

You may also like

No Comment

You can post first response comment.

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter a message.