Il nostro amore di Marone Publio Virgilio

Tu rallenti con pretesti il nostro amore.
E ora innanzi ti si stende tutto il mare
in silenzio, e tutti, guarda, son caduti
i sussurri, i soffi del vento.
Ora siamo a metà via; il sepolcro
di Bianore si profila; qui, Meri, cantiamo
dove i contadini diradano le fronde,
posa qui i capretti: in città arriveremo.
E se temiamo la notte, che ci porti la pioggia,
ce ne andremo cantando, sarà più lieve il cammino.
Ce ne andremo cantando, e ti leverò il tuo peso.

Marone Publio Virgilio
Tu rallenti con pretesti il nostro amore.
E ora innanzi ti si stende tutto il mare
in silenzio, e tutti, guarda, son caduti
i sussurri, i soffi del vento.
Ora siamo a metà via; il sepolcro
di Bianore si profila; qui, Meri, cantiamo
dove i contadini diradano le fronde,
posa qui i capretti: in città arriveremo.
E se temiamo la notte, che ci porti la pioggia,
ce ne andremo cantando, sarà più lieve il cammino.
Ce ne andremo cantando, e ti leverò il tuo peso.
Marone Publio Virgilio- '«Il nostro amore»'

Scopri o riscopri l’autore


Share This Story!

You may also like

No Comment

You can post first response comment.

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter a message.