Lacrima di Arthur Rimbaud

Lontano da uccelli, da greggi, da paesane,
io bevevo, rannicchiato in una brughiera,
cinta da una selva di noccioli leggera,
in verdi e tiepide foschie meridiane.
Che potevo bere in quella giovane Oïsa,
muti olmi, cielo coperto, erba senza fiori.
Che spillavo alla mia fiasca di colocasia?
Un liquore d’oro, insulso, che dà sudori.
Cattiva insegna d’osteria sarei stato.
Poi il temporale mutò il cielo, fino a sera.
Furon laghi, pertiche, stazioni, una nera
regione, e nella notte blu fu un colonnato.
L’acqua dei boschi moriva alla verginale
sabbia, e il vento, dal cielo, ghiacciava acquitrini…
Io, pescatore d’oro e di gusci marini,
dire che non pensai di bere, come tale!

Arthur Rimbaud
Lontano da uccelli, da greggi, da paesane,
io bevevo, rannicchiato in una brughiera,
cinta da una selva di noccioli leggera,
in verdi e tiepide foschie meridiane.
Che potevo bere in quella giovane Oïsa,
muti olmi, cielo coperto, erba senza fiori.
Che spillavo alla mia fiasca di colocasia?
Un liquore d’oro, insulso, che dà sudori.
Cattiva insegna d’osteria sarei stato.
Poi il temporale mutò il cielo, fino a sera.
Furon laghi, pertiche, stazioni, una nera
regione, e nella notte blu fu un colonnato.
L’acqua dei boschi moriva alla verginale
sabbia, e il vento, dal cielo, ghiacciava acquitrini…
Io, pescatore d’oro e di gusci marini,
dire che non pensai di bere, come tale!
Arthur Rimbaud- '«Lacrima»'

Scopri o riscopri l’autore


Share This Story!

You may also like

No Comment

You can post first response comment.

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter a message.