La mia poesia di Alda Merini

La mia poesia è alacre come il fuoco trascorre tra le mie dita come un rosario Non prego perché sono un poeta della sventura che tace, a volte, le doglie di un parto dentro le ore, sono il poeta che grida e che gioca con le sue grida, sono il poeta che canta e non […]

Read More
Sono nata il ventuno a primavera

Sono nata il ventuno a primavera ma non sapevo che nascere folle, aprire le zolle potesse scatenar tempesta. Così Proserpina lieve vede piovere sulle erbe, sui grossi frumenti gentili e piange sempre la sera. Forse è la sua preghiera.Alda Merini- '«Sono nata il ventuno a primavera»' Scopri o riscopri l’autore

Read More
Il gobbo di Alda Merini

Dalla solita sponda del mattino io mi guadagno palmo a palmo il giorno: il giorno dalle acque così grigie, dall’espressione assente. Il giorno io lo guadagno con fatica tra le due sponde che non si risolvono, insoluta io stessa per la vita … e nessuno m’aiuta. Mi viene a volte un gobbo sfaccendato, un simbolo […]

Read More
L’uccello di fuoco di Alda Merini

L’uccello di fuoco della mia mente malata questo passero grigio che abita nel profondo e col suo pigolio sempre mi fa tremare perchè pare indifeso, bisognoso d’amore, qualche volta ha una voce così tenera e nuova che sotto il suo trionfo detto la poesia.Alda Merini- '«L'uccello di fuoco»' Scopri o riscopri l’autore

Read More
Racconto molto di Alda Merini

Racconto molto perchè forse non so qual è davvero il mio compito come la sapienza accesa dei bambini per questa Roma senz’amore che canta il vino spento dell’amore. Per questa città senza più affetti io voglio ancora narrare che la vita è una persona da capire e la gioia incenerisce tutte le finzioni.Alda Merini- '«Racconto […]

Read More