il poeta di Giosuè Carducci

Il poeta, o vulgo sciocco, Un pitocco Non è già, che a l’altrui mensa Via con lazzi turpi e matti Porta i piatti Ed il pan ruba in dispensa. E né meno è un perdigiorno Che va intorno Dando il capo ne’ cantoni, E co ‘l naso sempre a l’aria Gli occhi svaria Dietro gli […]

Read More
Giuseppe mazzini di Giosuè Carducci

Qual da gli aridi scogli erma su ‘l mare Genova sta, marmoreo gigante, Tal, surto in bassi dí, su ‘l fluttuante Secolo, ei grande, austero, immoto appare. Da quelli scogli, onde Colombo infante Nuovi pe ‘l mar vedea mondi spuntare, Egli vide nel ciel crepuscolare Co ‘l cuor di Gracco ed il pensier di Dante […]

Read More
Fantasia di Giosuè Carducci

Tu parli; e, de la voce a la molle aura lenta cedendo, si abbandona l’anima del tuo parlar su l’onde carezzevoli, e a strane plaghe naviga. Naviga in un tepor di sole occiduo ridente a le cerulee solitudini: tra cielo e mar candidi augelli volano, isole verdi passano, e i templi su le cime ardui […]

Read More