La vita rustica di Giuseppe Parini

Perché turbarmi l’anima, O d’oro e d’onor brame, Se del mio viver Atropo Presso è a troncar lo stame? E già per me si piega Sul remo il nocchier brun Colà donde si niega Che piú ritorni alcun? Queste che ancor ne avanzano Ore fugaci e meste, Belle ci renda e amabili La libertade agreste. […]

Read More
L’educazione di Giuseppe Parini

Torna a fiorir la rosa Che pur dianzi languia; E molle si riposa Sopra i gigli di pria. Brillano le pupille Di vivaci scintille. La guancia risorgente Tondeggia sul bel viso: E quasi lampo ardente Va saltellando il riso Tra i muscoli del labro Ove riede il cinabro. I crin, che in rete accolti Lunga […]

Read More
Il dono di Giuseppe Parini

per la marchesa paola castiglioni Queste, che il fero Allobrogo Note piene d’affanni Incise col terribile Odiator de’ tiranni Pugnale, onde Melpomene Lui fra gl’Itali spirti unico armò; Come oh come a quest’animo Giungon soavi e belle, Or che la stessa Grazia A me di sua man dielle, Dal labbro sorridendomi, E dalle luci, onde […]

Read More
Il bisogno di Giuseppe Parini

Al signor Wirtz Pretore per la Repubblica Elvetica Oh tiranno signore De’ miseri mortali, Oh male, oh persuasore Orribile di mali: Bisogno, e che non spezza Tua indomita fierezza! Di valli adamantini Cinge i cor la virtude; Ma tu gli urti e rovini: E tutto a te si schiude. Entri, e i nobili affetti O […]

Read More